Software per dispositivi mobili

Non sarà certamente sfuggito a nessuno che sempre più aziende, anche aziende importantissime, di punta e molto blasonate, investo sempre più risorse nella produzione di applicativi per dispositivi mobili, in cima a tutti iPad e iPhone.

A quanto pare la gran parte della banda utilizzata in futuro sarà utilizzata da mobile, ovvero da device che non sono computer o portatili, ma cellulari, tablet e smartphone in genere.

Va da se che la scrittura di “software mobile” diviene una caratteristica obbligatoria e peculiare per qualunque software house, dalla più piccola alla più grande: nessuna azienda che produca software oggi può fare a meno di produrre per dispositivi mobili, ne tanto meno snobbare (come oggi si tende a fare) il sistema Google Android, vero passo verso il futuro che è possibile vedremo diventare lo standard sugli smartphone del futuro.

A conferma di quanto stiamo dicendo pubblichiamo un passaggio di un comunicato stampa:

“L’App di Corriere della Sera Digital Edition per Ipad continua il suo percorso di aggiornamento e di implementazione funzionale, iniziato nel maggio scorso con il golive del progetto. Oggi gli oltre 8.000 abbonati paganti potranno approfittare di interessanti novità:

Cosa aggiunge la versione 1.5?

– Oggi la digital edition di Corriere per IPad offre la possibilità di conservare i “ritagli di giornale” con le notizie preferite, più importanti o rilevanti. Implementata la funzionalità “Il mio Archivio” che permette di salvare intere edizioni o singole pagine del quotidiano, delle edizioni locali, dei dorsi e dei magazine allegati (Io Donna, Sette, Casa Amica, Style).

– L’archivio storico si estende a 14 giorni. Mi sono perso Io Donna della scorsa settimana e sono già passati 7 giorni! Nessun problema, con la release 1.5 posso conservare per sempre le miei edizioni in un archivio dell’iPad e consultarle in modalità off line anche giorni, settimane o mesi dopo.

– Il download dell’edizione giornaliera avviene in modo automatico all’apertura dell’App. In questo modo si può comodamente leggere l’edizione quotidiana in modalità off line.

(…)

Abbonamento mensile: 19,99 euro

Abbonamento semestrale: 99,99 euro

Abbonamento annuale: 179,99 euro (meno di 50 cent al giorno per leggere il quotidiano dove e quando vuoi)

Con lo stesso abbonamento e senza costi aggiuntivi è possibile accedere anche a e-dicola, per sfogliare il quotidiano anche su PC. L’importante è convalidare il tuo account loggandoti sull’applicazione iPad! Viceversa gli abbonati al servizio e-dicola possono leggere il quotidiano anche sul tablet.”

Appare chiaro che i media, anche i più tradizionali come il Corriere, i media dicevamo, che sono stati a guardare l’evoluzione del Web muovendosi poco o implementando piattaforme e siti che altro non erano che la fotocopia della versione cartacea, si stiano muovendo verso la direzione dei dispositivi mobili, dispositivi che a breve saranno i primi accessi ad ogni sito Internet del pianeta, con buona pace di carta e portaloni.

30 Nov 2010
Seguici