Dispositivi mobili: il futuro su cui investire

Lo scenario che ci aspetta nel prossimo futuro è sicuramente estremamente “mobile”, fatto di tecnologia in movimento, la cosiddetta “mobility technology”. Da un recente studio di Gartner, azienda leader nel settore delle analisi e delle ricerche nell’Information Technology, sembra che il buon vecchio pc stia per essere sorpassato definitivamente dal tablet; già nel corso del 2014 le vendite di tablet saranno molto vicine a quelle dei personal computer, con 263 milioni di tablet contro 277 di pc, ma il vero sorpasso avverrà nel 2015, anno in cui si prevede che i tablet raggiungeranno quota 324 milioni contro 269 di pc.

Ebbene prepariamoci ad una tecnologia sempre più “duttile”, flessibile, la cui forza risiede proprio nella sua mobilità; infatti il tablet viene utilizzato soprattutto in vacanza, o comunque in spazi esterni alla propria casa. Questa tendenza ha fatto letteralmente crollare le vendite del vecchio pc, fino a definire il 2013 “l’anno nero dei pc”! L’utilizzo sempre più massivo di dispositivi mobili avrà anche altri tipi di conseguenze e ricadute, sembra infatti che proprio quest’anno la pubblicità sui dispositivi mobile riuscirà a raggiungere i 18 miliardi di dollari a livello mondiale, in un crescendo continuo fino al 2017 in cui addirittura verranno raggiunti i 41,9 miliardi di dollari! I banner pubblicitari saranno i più diffusi, ma anche i video cominceranno a ritagliarsi una fetta considerevole. Il Nord America guiderà questo processo di crescita, “Questa è la zona in cui la pubblicità mobile è più matura”, ha dichiarato ad Afp Mick McGuire, vicepresidente di Gartner. Ma anche noi in Europa occidentale assisteremo a questo cambiamento nella pubblicità, che andrà a diminuire in parte il “potere” della pubblicità alla radio o in tv. Anche in Italia, paese televisivo per eccellenza, la pubblicità sui dispositivi mobile riuscirà a scalzare quella televisiva? La sfida è aperta.

29 Gen 2014
Seguici