Software per inviare SMS da Internet

Parlando di software, e spesso di software per applicazioni mobili, non possiamo omettere di parlare di applicativi per inviare SMS via Internet.
Ci viene in soccorso un nostro lettore, Shonel Geri, che porta alla nostra attenzione le suddette mobile app per l’invio di SMS gratis via Web.

“È innegabile come oramai i cosiddetti smartphone stiano sostituendo il normale concetto di telefono cellulare.
Sono pochi quelli che, per voglia o necessità, acquistano un telefono che solo chiami o scriva.
La gente sta diventando esigente, e cerca un mezzo che lo renda reperibile sempre (o quasi) via mail, o col social network preferito per aggiornare chiunque e aggiornarsi su chiunque portando anche a cambiare il concetto di “Internet in ogni casa” a quello di “Internet in completa mobilità”.

Ciò che però ancora ben pochi sanno è che la connessione Internet sul proprio dispositivo può essere impiegata anche oltre la semplice mail o il semplice update del social.
Infatti dispositivi come BlackBerry ed iPhone hanno dei sistemi di messaggistica interni che sfruttano la Rete, replicando a suo modo il servizio di SMS ma permettendo di bypassare i costi che magari le offerte degli operatori non coprono.
BlackBerry è stata tra le prime ad usare questo sistema e a farne un proprio punto di forza, seguita recentemente da iPhone con applicazioni sviluppate, però, da terzi.
Ovviamente tutto questo ha delle limitazioni, tecniche (chi ancora non ha attivato offerte Internet o non ha un dispositivo adeguato) o umane (ovvero, chi nonostante il dispositivo di ultima generazione non è minimamente a conoscenza di tutto ciò.. E son la maggior parte).
Il numero di tali applicazioni è in costante crescita ed alcune hanno anche abbattuto il muro della compatibilità tra dispositivi, o, volendo parlare in altri termini, dell’isolamento tecnologico di chi sceglie una marca al posto di un’altra.
WhatsAppMess, Pmessenger e (prossimamente anche) PingChat!2 ne sono fulgidi esempi.
Difatti queste apps sono disponibili sul mercato interno sia di Apple che di BlackBerry semplificando di molto la vita per il contatto diretto.
La domanda che mi son sentito fare più spesso quando ho esposto il mio entusiasmo a questi AlterEgo degli SMS è stata: Ma non basta la mail?
Probabilmente la mail può anche bastare, ma di certo non ha lo stesso impatto rapido e semplificato degli SMS.
Infatti, perché il popolo degli smartphone si manda più SMS che mail per comunicare?
Perché è più facile e veloce.

Esattamente quello che promettono queste applicazioni.
Velocità e praticità, sfruttando la connessione Internet, e le Push Notifications (che non tutte le caselle di mail permettono).
Possono anche essere AlterEgo degli MMS, difatti permettono di inviare facilmente Foto, video, registrazioni audio molto più velocemente di una mail e riducendo anche la spesa in termini di Kb (o così a me è parso)
Ho fatto alcuni nomi di applicazioni ma non posso certo citarle tutte perché, sopratutto per iPhone, ora ce ne sono veramente una marea.
Ma due menzioni particolari vanno fatte per Pushme.to e per Skebby.
Pushme.to permette di ricevere messaggi dal web direttamente su iPhone (ove ovviamente sia installata l’applicazione); comodo quindi per messaggi veloci da chi è davanti ad un computer e deve comunicare qualcosa “al volo” (c’è anche la possibilità di poter rispondere ma la persona deve essere iscritta, e ciò è fattibile solo dall’app per melafonino)

Skebby invece è un interessante servizio che è stato addirittura definito “lo Skype degli SMS”.
Infatti questo permette di mandare SMS via internet a tutte le numerazioni di cellulare ad un prezzo ridotto rispetto a quello offerto dai gestori di telefonia (gratuitamente invece tra utenti Skebby)
E con l’avvento delle applicazioni per cellulari è stata la prima risorsa multi piattaforma, difatti questa è l’unica che funziona anche per Nokia e/o cellulari con Java.
In conclusione, i metodi per risparmiare son sempre a portata di mano, e le nuove tecnologie ci aiutano in questo. Bisogna solo imparare a riconoscerli.”

Shonel Geri

10 Giu 2010
Seguici