Nexus One di Google: il touch screen superato?

I cellulari, o meglio gli smart phone di ultima generazione, sono tutti contraddistinti da un particolare del quale l’iPhone di Apple ha fatto il proprio cavallo di battaglia: lo schermo touch.
Con le tastiere scomparse un po ovunque, la moda del momento è quella di avere un pezzo di vetro nero che diventa tutto quello che vogliamo: una calcolatrice, lo schermo di una TV, una tastiera per cellulare, un registratore, un navigatore, una interfaccia di programmazione o una chat.
Ma, chi è del ramo sta già pensando a quale potrebbe essere il futuro, che cosa potrebbe essere il futuro dei cellulari se i software diventano sempre più complessi e l’hardware sempre più potente. A tal riguardo Google, che con il suo Android ha già superato Windows mobile e si appresta a diventare il vero antagonista di Apple, lancia la sfida della “voce”:
I cellulari del futuro forse saranno tutti come il Nexus One. Al primo dispositivo marchiato Google, che esce oggi in Italia a 499 euro con Vodafone, infatti si parla. Nel senso che si usa molto la voce e meno lo schermo tattile. Quasi, quest’ultimo, fosse già superato. Si pronuncia un nome ed esce il contatto desiderato con foto e informazioni prese da Facebook, mail, numeri di telefono. Oppure si chiede di un ristorante in un certo quartiere, mettiamo “thai Trastevere”, e sul display compare la lista dei siti dei ristoranti thailandesi della zona e le indicazioni su Google Maps per raggiungerli. O ancora si dettano gli sms o le mail, magari mentre si sta guidando. Senza bisogno di aprire la rubrica, il browser, avviare un software. Fa tutto in Nexus One e lo fa abbastanza bene. Riconosce infatti otto volte su dieci di cosa si sta parlando, poco importa se si tratta di un numero di telefono, un luogo, una pagina Internet.” repubblica.it
Ormai gli addetti ai lavori parlano di “ecosistemi digitali” riferendosi ai cellulari di ultima generazione: “Questi non sono più solo dei telefoni, sono dei dispositivi complessi attorno ai quali ruotano galassie di applicazioni e servizi online. Ed è questo il terreno sul quale si gioca il futuro del mondo della telefonia mobile“.

Da tutto questo si evince quanto le mobile app così come le Web application legate agli smart phone, e tutti i software compatibili con i nuovi “ecosistemi digitali” siano divenuti, e stiano divenendo, di importanza primaria oltre che strategia, anche di business.

25 Mag 2010
Seguici