ita eng

Volti Fake: queste facce non esistono

Sembrano volti di persone qualunque, presi da Facebook o da Instagram, e invece non esistono.
Certo, sono convincenti, sembrano veri, credibili, eppure la loro “mamma” è l’Intelligenza Artificiale (Artificial Intelligence, AI).


Fake Face: sembra ma non è

I lineamenti dei visi sono assolutamente realistici, potrebbero benissimo appartenere davvero a persone reali, essere nostri amici. E invece no.
AI senza confini, dunque. In grado di creare vere fake face.


Intelligenza artificiale e visi immaginari
Il risultato è dei ricercatori di Nvidia – azienda produttrice di processori grafici – che sono riusciti a creare volti realistici ma del tutto immaginari.
Una sfida a colpi di foto tra reti neutrali, le Gan (Generative Adversarial Network, reti antagoniste generative), affiancata dal trasferimento di stile (un’immagine viene riprodotta usando lo stile di un’altra immagine): questa la tecnica utilizzata dai ricercatori.


Con la GAN si possono realizzare ritratti di persone, automobili, stanze e gatti fotorealistici, senza che nessuno esista davvero.
Facce che sembrano vere e invece sono solo il frutto di un esperimento informatico, una popolazione virtuale che nella realtà non c’è.


Profili falsi, furto d'identità, fake news
Una prova di forza tecnologica non da poco che solleva diversi quesiti su profili falsi, disinformazione, fake news, propaganda, furto d’identità.
Al momento, metodi per mascherare i falsi esistono sempre: guardate bene i capelli dei volti, risultano quasi disegnati o troppo sfocati, perché i capelli sono molto difficili da riprodurre.

Dove stiamo andando?
Di sicuro in un mondo in cui sarà sempre più difficile distinguere la finzione dalla realtà.

leggi anche
 Volti Fake: queste facce non esistono
Marketing  
Fake face: volti che sembrano veri e che invece non esistono. A crearli, l'Intelligenza artificiale.
Tecniche di Direct Marketing
Marketing  
Il Direct Marketing è determinante per ogni azienda. Come creare newsletter di successo? Come migliorare le proprie performance?
Dipendenza dalla tecnologia: il rehab si chiama Digital Detox
Marketing  
Dopo gli eccessi, è ora di disintossicarsi dalla tecnologia. Perché? Rispondi al telefono (quale dei due?), 1800 mail, il trillo di WhatsApp, l’ultima foto su Facebook, il cinguettio di Twitt[...]
Handmade with love
Cosmobile.comSviluppo e gestione dati Iprov.comGrafica, design e comunicazione