ita eng

La rivoluzione dell’Industria 4.0

Cos’è l’industria 4.0? 

Una rivoluzione. Una grande occasione per le aziende. 

L’industria 4.0 è una visione del futuro secondo cui le imprese industriali e manifatturiere, grazie alle tecnologie digitali, aumenteranno la propria competitività attraverso una maggiore interconnessione e cooperazione delle proprie risorse (impianti, persone, informazioni etc.).
Il rilancio industriale passa dal digitale.

La quarta rivoluzione industriale:

Ci troviamo nella 4° rivoluzione industriale: si evidenzia la strategicità del processo di digitalizzazione, prodotti e processi interconnessi grazie all’uso dell’Internet of things (gli oggetti reali connessi a Internet) e delle nuove tecnologie digitali.

Mercato 4.0 +35% 

Secondo l’ultima ricerca degli Osservatori.net*, nel 2018 il mercato 4.0 in Italia ha registrato 3,2 miliardi di euro, +35% rispetto all’anno precedente.

Il mercato supportato dalle tecnologie:

Le nuove tecnologie abilitano nuovi modi di lavorare, quindi nuovi ruoli e nuovi modelli organizzativi. Aziende integrate, connesse.
L’introduzione delle tecnologie 4.0 pone l’uomo al centro del sistema produttivo, le progettazioni delle soluzioni tecnologiche e dei modelli organizzativi sono congiunte e sinergiche e permettono performance migliori.

“La maggior parte dell’automazione si verifica a livello di compiti specifici, non a livello di interi ruoli. La questione più rilevante per imprese, governi e individui, non è in quale misura l’automazione influirà sugli attuali livelli di occupazione, ma come il mercato del lavoro globale può essere supportato per raggiungere un nuovo equilibrio tra lavoratori, robot e algoritmi” (Rapporto The Future of Jobs pubblicato dal World Economic Forum, 2018).

Da Smart Manufacturing a Smart Factory

Abbracciare la trasformazione significa portare nuova competitività ed efficienza alle imprese, passando da oggetti intelligenti a sistemi intelligenti.
Si passa da Smart Manufacturing a Smart Factory:

  • Nuove tecnologie: la tecnologia supporta e potenzia le capacità dei lavoratori e le aziende 
  • Nuovi Modelli organizzativi e gestionali: arricchimento e ampliamento delle mansioni e dell'organizzazione 
  • Nuove Professionalità e competenze: aumento di responsabilità, decision making e attività continue di sviluppo
  • Nuove Strutture sociali

Tra i servizi di digitalizzazione più richiesti:

  • Industria Internet of Things: IoT, 60% (+10% rispetto al 2017)
  • Industrial Analytics: nuove tecniche e strumenti tecnologici, 17% (+30%)
  • Cloud Manufacturing: ad esempio software di supporto alla produzione, 8% (+35%)
  • Advanced HMI: interfaccia uomo-macchina, 1% (+50%)
  • Advanced automation: macchine e robot, automazione, 5% (+10%)
  • Additive Manufactoring: unione di materiali per fabbricare oggetti da modelli 3D computerizzati, 2% (nuovo)
  • Servizi di consulenza e formazione, 7% (+10%)

Dove investiranno le imprese?

Nei prossimi 2 anni si prevedono investimenti: 
- Industrial IoT 48%
- Big Data e Analytics 39%
- Advanced Automation 33% 

Tra i 3 e i 5 anni:
- Advanced Automation 32%
- Cloud Computing & Manufactoring 28%
- Additive Manufactoring 24%

Le skills per l’industria 4.0

Sono oltre 100 le skills (competenze) per l’industria 4.0 riferite a 5 aree aziendali:

  1. Operations: miglioramento dei processi, pianificazione e coordinamento, gestione di risorse smart, tecnologie migliorative e di processo, analisi dei dai, modellazione e simulazione.

  2. Supply Chain: innovazione e business, gestione smart, computer science e data analytics, utilizzo di piattaforme Software.

  3. Product-Service development: innovazione di prodotto-processo, progettazione smart, utilizzo di strumenti digitali e virtuali, ingegneria del servizio.

  4. Data Science: Data Architecture, Data management, computer science, Data analysis, visualization, conoscenze di dominio.

  5. IT-OT Integration: Allineamento iT-OT e business, architetture e piattaforme, modellazione, embedded computing-comunicazione, device, cybersecurity.

I prodotti del futuro

I prodotti stanno già cambiando: prodotti sempre più "verdi", ecosostenibili, che consumano meno; prodotti personalizzati, consegnati in tempi più brevi; prodotti intelligenti e connessi.

Il Piano Nazionale Industria 4.0

Il Governo italiano ha presentato il Piano Nazionale Industria 4.0 alla fine del 2016.
Due sono le chiavi del piano: investimenti innovativi, per rinnovare il parco tecnologico, e sviluppo delle competenze per aggiornare il capitale umano.


Un'opportunità reale

L'Obiettivo, in tutta l’Europa, è diffondere, completare, promuovere e integrare gli scenari di industria 4.0 in una rete internazionale, facilitando così la digitalizzazione delle PMI. Ancora una volta, l’Industria 4.0 rappresenta un’opportunità reale e le aziende devono saperla cogliere per poter apprezzare benefici concreti e continui nel tempo.

Fonte: Ricerca 2018 dell’Osservatorio Industria 4.0 della School of Management del Politecnico di Milano – www.osservatori.net

leggi anche
I cellulari del 2020: dall’iPhone economico ai nuovi pieghevoli
Marketing  
iPhone piccolo ed economico, cellulari pieghevoli e 5G: queste le più grandi novità del mercato degli Smartphone per il 2020. Tutte le news da Apple, Huawei, Samsung.
Google Bert rivoluziona il Content Marketing: fa fuori la SEO e il “Keywordese”
Marketing  
Google Bert, il nuovo algoritmo di Google che fa fuori la SEO e rivoluziona il Content Marketing. Come funziona e cosa cambierà nel 2020.
La Guida al Marketing di Natale
Marketing  
La Guida di Natale 2019 di Facebook dedicata alle aziende: un manuale di Marketing per fare branding, conquistare clienti, massimizzare le vendite, realizzare una comunicazione mirata.
Trend di Marketing 2020
Marketing  
Quali sono i trend di Marketing del 2020? Contenuti interattivi, personalizzazione, nuovi Social Media, Modelli 3D integrati all'Ecommerce, Visual Search, Customer Experience mirata, tecnologie immersive, video marketing, ricerca vocale, chatbot.
Handmade with love
Cosmobile.comSviluppo e gestione dati Iprov.comGrafica, design e comunicazione