ADSL in Italia: velocità in stallo

Calano i prezzi delle tariffe, ma si resta indietro per quanto riguarda la velocità di navigazione. Questo quanto rivelato da uno studio condotto dall’osservatorio di SOS Tariffe, che ha analizzato i dati di oltre 500.000 test di velocità effettuati dagli utenti del sito fino ad oggi (disponibile al sito www.sostariffe.it/adsl/test-velocita).
L’analisi ha evidenziato che la velocità media dell’ADSL è di circa 5,1 Mbps, con un aumento di soli 8 punti percentuali rispetto al 2010, dato dalla maggiore diffusione delle offerte a 20 mega. Ovviamente, i valori analizzati non rappresentano un campione statistico, eppure sono indice di quel ritardo nelle infrastrutture per le telecomunicazioni che penalizza il nostro Paese, in ritardo su banda larga e connessioni di ultima generazione.
E i limiti dell’ADSL vengono fuori anche per quanto riguarda la discrepanza tra la velocità reale registrata dagli utenti e quella dichiarata dalle tariffe sottoscritte. Sottoscrivendo l’offerta a 7 mega (quella più diffusa in Italia), si naviga a una velocità effettiva di 4Mbps in media, velocità che è rimasta costante negli ultimi tre anni. Con le offerte ADSL a 20 mega si è invece passati dai 6,7 Mbps ai 7,1 Mbps. Resta però il fatto che la velocità reale è inferiore di un 60% rispetto a quella massima dichiarata.
L’aspetto positivo è che almeno le promozioni commerciali degli operatori sono diventate più convenienti e permettono di risparmiare fino al 78%, grazie a periodi promozionali sempre più lunghi o validi per sempre. Della serie, andiamo lenti ma almeno spendiamo poco

13 Set 2013
Seguici