Web application: la migrazione ha avuto inizio

In questi giorni abbiamo parlato di Web Application, cioè di quei programmi, come ad esempio Cosmocatalog per l’impaginazione automatica, che possono essere usate tramite browser, quelle applicazioni che non hanno bisogno di installazione per poter funzionare.
Si parlava ieri infatti della possibilità di avere dei programmi installati su macchine remote e raggiungibili da qualunque computer del pianeta, aprendo la porta ad una infinità di migliorie come l’eliminazione dei backup e la possibilità di lavorare in gruppo e contemporaneamente allo stesso progetto.
A dare il LA a questo cambiamento epocale è stato probabilmente Google Documents che per primo (per primo su granda scala) ha dato la possibilità di condividere qualunque tipo di documento in tempo reale ed in Rete.
Oggi Microsoft che si vede mangiare enormi fette di mercato da software free come Open Office o da Web application come appunto Google Documents, ha pensato di passare al contrattacco con una versione di Office completamente online.
“Con le Office Web application, le versioni light di Word, PowerPoint, Excel e One Note per il browser è possibile accedere ai documenti da qualsiasi luogo. Le applicazioni leggere conservano l’aspetto del documento indipendente dal dispositivo utilizzato, mantenendo contenuto e formato nel passaggio dal pc al telefono al browser. Inoltre Office mobile 2010 è disponibile tramite il Windows phone marketplace come aggiornamento gratuito per tutti i telefoni Windows Mobile 6.5 e con una vesione precedente di Office Mobile. PowerPoint porta in dote nuove funzionalità di broadcast , Word offre un’anteprima automatica, mentre Excel con i nuovi grafici Sparkline permette di visualizzare meglio dati e trend.” bitmat.it

Se Microsoft si muove probabilmente è perchè ha visto lontano ed è arrivata alla conclusione, dopo di molti altri, che le Web application possono davvero rappresentare il futuro dell’informatica produttiva.

14 Mag 2010
Seguici