Programmare Android

Parlavamo tempo da di come poter programmare per Android senza conoscere un linguaggio di programmazione, ma semplicemente usando una Web application di nome App Inventor che altro non è appunto che una applicazione Web che fornisce la possibilità di scrivere software per Android senza impazzire dietro a codice vario.
App Inventor contiene in se diverse rivoluzioni, culturali e non, che sono destinate a fare molto parlare e a mettere in crisi Apple ed i suoi iPhone:
– L’utente finale non è più solo fruitore ma viene messo nelle condizioni di poter scrivere i propri programmi, su misura e in base alle proprie necessità, senza sapere nulla di programmazione. L’utente diventa anche sviluppatore.
– Il programma Web oriented permette a chiunque ed in ogni posto del pianeta, di poter mettere mano alle proprie applicazioni: Google rafforza così il concetto di applicazione Web, rinforzando l’idea che il futuro sarà in remoto, come noi di Cosmobile diciamo da tempo “ il cloud computing e le Web application superino i software “tradizionali” attorno al 2020“.
– Google avvicina il sistema che Apple ha inventato con iTunes e aggiunge caratteristiche vincenti come la semplicità totale d’uso oltre a mettere l’utente nella condizione di non essere più un semplice cliente da spremere.
Android supera ogni altro sistema operativo: concettualmente, grazie alla libertà alla quale è legato, diviene la testa di ponte, il punto di arrivo, il faro, per tutti gli altri produttori di software globali. Ed è appena nato…

Risulta abbastanza ovvio dover sottolineare che da uno strumento di questo tipo non potranno mai nascere applicazioni di alto livello qualitativo, ma l’obiettivo Google sembra essere quello di avvicinare l’utenza alla creazione e non solo alla fruizione di software, creando di conseguenza un enorme bacino di persone vincolate ad Android dal fatto che sanno anche “programmarlo”.

Ma come si riesce a programmare per Android a prescindere da un tool preconfezionato?
Abbiamo trovato un interessante articolo che spiega la cosa, articolo che inizia in questo modo: “Oggi vedremo come scrivere la prima applicazione per Android, come prima cosa vi consiglio di andare a rinfrescarvi le basi della programmazione ad oggetti e un po di java, in quanto le applicazioni per android sono scritte per l’appunto in Java. (…) Come primo passo scarichiamo e installiamo Eclipse.
Avviamo Eclipse e prepariamoci alla configurazione del Plugin Developer Tool, posizioniamoci sulla voce help della barra dei menu di Eclipse e clicchiamo su “Install New Software“, poi clicchiamo su “ADD” e inseriamo nel campo Name “Andoroid Plugin” e nel campo location “https://dl-ssl.google.com/android/eclipse/“, selezioniamo il plugin di android e andiamo avanti.
Dopo l’installazione ci verrà chiesto di riavviare l’ambiente Eclipse; passiamo a configurare il plugin.

Ovviamente leggete il post originale a questo indirizzo ma ricordate che Android è in aumento vertiginoso, per numero di utenti e sviluppatori, e che se volete imparare a scrivere software forse è il caso che prendiate ad esempio anche il sistema di Google.
Sotto il video di quanto sia semplice usare App Inventor

19 Nov 2010
Seguici