Apple: nano-SIM per tutti!

La SIM card è certamente una tecnologia poco giovane, e certamente le informazioni contenute in quella porzione di metallo grande più o meno quanto un unghia possono essere contenute in supporti dimensioni più ridotte.
Se aggiungiamo poi a questo il fatto che gli smartphone di nuova generazione hanno sempre più bisogno di spazio e vogliono essere sempre più leggeri, ecco nascere subito l’idea della nano-SIM.

Chiamarla nano in effetti è un po’ strano (le dimensioni restano importanti), in ogni caso questa è la tecnologia che Apple ha pensato per i suoi dispositivi. Oggi infatti tutti i possessori di iPhone e iPad devono necessariamente possedere una nano-SIM per utilizzare i loro dispositivi.

Ovviamente Nokia, RIM e Motorola non ci stanno. L’idea di dover utilizzare (e pagare) un brevetto Apple infatti non piace a nessuno. Meno di due giorni fà però Apple ha fatto sapere che offrirà gratuitamente le licenze della nano-SIM a tutti i produttori di dispositivi.

Ciò è un cambiamento importante sia nelle politiche Apple (in tempi non troppo remoti un comportamento di questo genere sarebbe stato impossibile a Cupertino) sia nelle tasche di milioni di utenti.

Infatti questa scelta potrebbe portare lo standard nano-SIM a diventare de facto nell’industria dei dispositivi di comunicazione.

29 Mar 2012
Seguici