Mobile e cybercrimine

L’allarme è stato lanciato da Trend Micro Inc., azienda di primaria importanza nella sicurezza per il cloud, che ha rilevato come le minacce che prendono di mira i dispositivi mobili (soprattutto quelli Android) sono in continuo aumento.

Il Mobile App Reputation Service di Trend Micro ha l’obiettivo di analizzare le applicazioni Android per individuare malware e app nocive. Grazie a questo servizio, nei primi mesi del 2013 sono state individuate oltre 500.000 app nocive, numero che è destinato a crescere, secondo le previsioni dell’azienda. Il Mobile App reputation Service, sfruttando l’infrastruttura in the cloud Smart Protection Network di Trend Micro, esamina le applicazioni mobili e assegna dei punteggi di reputazione rispetto a tre elementi: Maliciousness, Resource Utilization e Privacy.
A che tipo di minacce possono andare incontro i nostri smartphone e i nostri tablet? Entrando nello specifico delle minacce registrate nei primi mesi dell’anno in corso, risultano in aumento i fenomeni del mobile phishing; le applicazioni fake (imitazioni, cioè, di popolari app di giochi nate per veicolare ads e per sottrarre informazioni personali dai dispositivi); il mobile backdoor (vere e proprie “porte sul retro”, istallate da malware Android, che permettono il controllo del dispositivo da terze parti).
Noi italiani non siamo al sicuro. Sempre secondo l’analisi di Trend Micro, in Italia il 3,6% delle app scaricate risulta essere nociva. Un risultato che ci fa classificare tra i primi dieci paesi nel mondo per numero di download di app Android a rischio.

22 Mag 2013
Seguici