ita eng

Libra: la criptomoneta di Facebook

Si chiama Libra ed è la nuovissima criptovaluta di Facebbok che sfida il settore dell’Ecommerce e quello dei pagamenti online.

Parliamo di una moneta virtuale e globale, per rendere accessibili servizi e infrastrutture finanziarie a tutti (anche a chi non ha servizi bancari di base). 

Su cosa si basa Libra? Sulla tecnologia blockchain.
Ha dalla sua gli oltre 2 miliardi di utenti Facebook (potenziali clienti) e, tra i contro, tutta la normativa che regola e tutela la privacy dei consumatori.

Una valuta digitale e globale

L’annuncio sul Social di Mark Zuckerberg: “La missione di Libra – scrive in un post - è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale che abiliti miliardi di persone in tutto il mondo”.
E sul sito dedicato, nel white paper accademico, si legge che: "Il mondo ha bisogno di una valuta globale, nativa digitale, che possa integrare tutte le qualità delle migliori valute globali: stabilità, bassa inflazione, accettazione globale e fungibilità".

Non tutti hanno ancora accesso ai servizi finanziari

L’obiettivo di Libra si basa sul fatto che “ancora oggi – sostiene il CEO di Facebook - molte persone in tutto il mondo non hanno accesso ai servizi finanziari di base: quasi la metà degli adulti di tutto il pianeta non possiede un conto bancario attivo, il numero è ancora maggiore nei paesi emergenti e tra le donne. Il costo di questa esclusione è alto: circa il 70% delle piccole imprese nei paesi in via di sviluppo non ha accesso al credito e 25 miliardi di dollari ogni anno vengono persi dai migranti in commissioni sulle rimesse”.

Libra, una stablecoin 

Libra sarà una stablecoin: cioè una criptovaluta la cui stabilità sarà basata sulla copertura di una riserva di asset reali. Nel senso che la valuta, oltre a un "mobile coin" sarà di fatto una "stablecoin": una moneta tendenzialmente stabile agganciata a un tesoretto, un paniere di "asset a bassa volatilità, come depositi bancari e titoli di Stato a breve termine denominati in valute di Banche centrali stabili e ad alta reputazione".

Dal 2020 su App, Whatsapp e Messenger

La moneta arriverà nel 2020 e sarà a disposizione di tutti gli utenti come App e come parte integrante di WhatsApp e di Messenger.
La gestione è della Libra Association, a Ginevra (Svizzera), con quasi 30 partner del Social - tra cui Mastercard, Visa, PayPal, Iliad, Vodafone, Booking, Uber, eBay, Lyft e Spotify, Coinbase, Xapo, Union Square Ventures etc. - ai quali si unirà un altro centinaio di nomi per far parte del progetto.

Si tratta di un consorzio indipendente senza scopo di lucro che sosterrà finanziariamente e governerà il token Libra. I membri dell'Associazione Libra potranno anche offrire sconti e incentivi all'accesso ai propri clienti.

Calibra e i portafogli digitali

Facebook ha creato anche una sussidiaria, Calibra: una nuova divisione del gruppo di Menlo Park che offrirà portafogli digitali per conservare, inviare e spendere le libre. La partecipazione all'Associazione Libra è inizialmente limitata a 100 membri che investono 10 milioni di dollari ciascuno, ma l'obiettivo finale è rendere questo accesso più aperto. Alla fine del progetto, l'idea è quella di consentire a tutti di validare le transazioni, un po' come avviene per i Bitcoin.

Inviare denaro, così come si invia un messaggio

Sarà possibile inviare denaro a chiunque, in peer-to-peer, con la stessa semplicità con cui oggi spediamo un messaggio su Facebook o su WhatsApp, senza alcun costo di commissione. Più avanti Libra potrà essere utilizzata anche per gli acquisti online o, ad esempio, per pagare le bollette, bere un caffè o pagare un biglietto dei trasporti pubblici.

Protezione dei dati e del denaro

Calibra assicura – secondo Zuckerberg- la protezione del denaro e dei dati degli utenti. Offrirà diversi strumenti per garantire la sicurezza degli utenti, sfruttando gli stessi processi di verifica e anti-frode utilizzati dalle banche e dalle carte di credito. In più disporrà di sistemi automatizzati che monitoreranno tutte le attività per rilevare e prevenire comportamenti fraudolenti.

Valuta mondiale, asset sicuri, a disposizione di tutti 

Se il modello di partenza è quello di WeChat, la visione futura è quella di costruire una valuta mondiale parallela, ancorata ad asset sicuri, utilizzabile ovunque, da scambiare con valute tradizionali senza rischiare troppo. E inclusiva: disponibile anche per chi non ha servizi bancari di base (oltre un miliardo e mezzo di persone). Basterà avere uno Smartphone.


Questo l’identikit di base del lancio di Libra, molti dettagli non sono ancora stati svelati, quindi Stay Tuned!

leggi anche
Strumenti per il Digital Asset Aziendale
Eventi 
Cosa significa digitalizzazione? Come si diventa digitali? Quali sono i vantaggi della digitalizzazione? Quali sono i migliori strumenti digitali? Cosmobile vi invita all'incontro gratuito nella sede di Confindustria Emilia di Bologna.
Libra: la criptomoneta di Facebook
Eventi 
Libra, la criptomoneta di Facebook: virtuale e globale, accessibile a tutti. Sarà un'App e parte integrante di WhatsApp e Messenger, sfida il mondo dell'ecommerce e dei pagamenti online.
Bologna: la data valley europea
Eventi 
Bologna: la Data Valley europea. Arriva il supercomputer europeo che permette di sfruttare le potenzialità dei big data e dell'intelligenza artificiale.
Suggerimenti strategici per essere vincenti
Eventi 
Alberto Bubbio suggerisce spunti strategici per essere vincenti oggi - nell'edilizia e negli ecommerce, ma non solo - in un mercato ipercompetitivo.
Handmade with love
Cosmobile.comSviluppo e gestione dati Iprov.comGrafica, design e comunicazione