il 75% del consumo dei device Android è pubblicità

La pubblicità, tutti lo sanno, è alla base dell’impero costruito da Google.
A partire dalla creazione del suo motore di ricerca, l’azienda americana ha basato gran parte della suo modello di business sugli introiti pubblicitari.

Purtroppo però la pubblicità non è sempre quasi invisibile come Google ci ha abituato. Negli ultimi giorni infatti l’Università di Purdue, negli Stati Uniti, ha reso noto un interessante studio svolto nella loro struttura.

In pratica il 75% circa del consumo di energia dei dispositivi Android sarebbe dovuto a pubblicità e a processi in background non direttamente collegati a ciò che l’utente fà.

Questa notizia ha destato molto scalpore proprio perchè, ad oggi, il più grande problema dei dispositivi mobili è la durata delle batterie. Non importa che si risolva con metodologie di ricarica wireless o con un aumento dell’autonomia, ma gli utenti chiedono a gran voce di non dover attaccare alla spina giornalmente i propri dispositivi.

Molto probabilmente, se l’università di Purdue svolgesse gli stessi test anche su piattaforme diverse, i risultati sarebbero simili. Ciò è dovuto al fatto che sia su Android, che su iOS o BlackBerry all’utente non viene dato il controllo completo su ciò che sta succedendo nel dispositivo.

Ciò viene fatto sicuramente per semplificare l’uso del sistema, aiuterebbe però in situazioni come quella descritta dallo studio di cui parliamo in questo articolo.

22 Mar 2012
Seguici